Il canto della Filologica - Torsa

Torsa Paradiso Roveredo
Vai ai contenuti

Il canto della Filologica

Folk Friulano

Il cjant de Fiologjiche -
Il canto della Filologica

Un salut 'e Furlanie
da lis monz insin al mar:
dongje il mar il sanc dai martars,
su lis monz il lor altar.

E la nestre ciare lenghe,
va des monz fin al Timaf:
Rome 'dis la so ljende
sul confin todesc e slaf...

Che tu cressis, mari lenghe
sane fuarte se Dio 'ul,
che tu slargis la to tende
su la Ciargne e sul Friul.

Che tu vadis, mari lenghe,
serie e sclete intor intor.
Tu confuartis dut chest popul
salt, onest, lavorador.
Che tu cressis, mari lenghe
sane fuarte se Dio 'ul,
che tu slargis la to tende
su la Ciargne e sul Friul.

Che tu vadis, mari lenghe,
serie e sclete intor intor.
Tu confuartis dut chest popul
salt, onest, lavorador.



Un saluto alla Furlania,
dai monti fino al mare.
Vicino al mare il sangue dei martiri,
sui monti il loro altare.

E la nostra cara lingua,
va dalle montagne al Timavo:
Roma racconta la sua storia
sul confine tedesco e su quello slavo.

Che tu li espanda, o madre lingua,
pura e forte, se Dio lo vuole,
che tu stenda l'accampamento
sulla Carnia e sul Friuli.

Che tu vada, madre lingua,
seria e schietta tutt'intorno.
Tu sia viatico a questo popolo,
saldo, onesto, lavoratore
By Appo Tony p iva 01017370303
copyright torsa .it è un servizio di memoria storica marchi , msnoscritti .foto, possono essere registrati dai rispettivi proprietari
Torna ai contenuti