Racconti di Toni - Torsa

Torsa Paradiso Roveredo
Vai ai contenuti

Racconti di Toni

Racconti di Torsa
Canto del usignolo

il Gelso

Da tempo dimenticato lasciato in disparte come un vecchio che ormai a finito di produrre , ma tutti sappiamo o quasi tutti quanto prezioso è stato per tutte le faglie, ci dava i primi denari e durante l'inverno ci riscaldava . Ci dava i primi denari con l’allevamento dei bachi da seta, permetteva alle famiglie di fare delle spese a credito, sicuri di poter pagare la merce quando si vendevano i bozzoli. Normalmente, verso la fine di Aprile, nel frattempo le famiglie avevano già preparati i letti, costituiti da tre o quattro tavole appoggiate una vicino l'altra sopra dei cavalletti e coperte con carta bucata.Appena i bachi venivano portati a casa, cominciava il pesante lavoro… Prima di tutto bisognava recarsi in campagna e tagliare rami dai gelsi per raccogliere le foglie, che costituisce l’unico alimento per i bachi da seta. Appena nati i piccoli bruchi sono lunghi un paio di millimetri con meno di un millimetro di circonferenza. Quando sono svegli mangiano in continuazione, producendo un brusio che aumenta man mano che crescono. Il lavoro per curarli e cambiarli aumenta velocemente con la loro crescita, tanto che, dopo una settimana, una persona non ce la faceva ed allora era necessario fare i turni. A quei tempi le famiglie erano composte da numerose persone, Alcune persone erano impegnate nel taglio dei rami di gelso che venivano portati a casa in fasci. Successivamente, le foglie venivano staccate e tagliate a fette di pochi millimetri, che aumentavano man mano che i bachi da seta crescevano, finchè ad un certo punto erano in grado di alimentarsi con le foglie intere.
Altre persone erano impegnate ad alimentare senza interruzione i bachi e provvedere a cambiare la carta su cui giacevano.All’inizio delle operazioni i bachi erano tanto piccoli che, per spingerli dalla carta sporca a quella pulita, si impiegava una penna d’oca. Da una carta sporca, i bachi venivano distribuiti su due carte pulite affinché abbiano più spazio per crescere. Questo lavoro doveva essere effettuato ogni giorno, fino a quando i bachi erano abbastanza grandi da poter essere presi con le mani per appoggiarli direttamente sulle foglie.Specialmente nell’ultima fase, i fogli di carta bisognava cambiarli spesso, per evitare che i bozzoli si macchiassero e che la qualità (ed il loro valore) passasse ad uno scalino inferiore. Dopo qualche giorno, tra quei rami e quelle foglie, i bachi incominciavano a costruire i loro bozzoli e verso la fine di Maggio, se il tempo era buono, si raccoglievano per portarli all’essicatoio.Quello era un giorno speciale per tutte le persone coinvolte nella "operazione baco da seta"…! Finalmente il lavoro pesante era terminato, ci si poteva rilassare, dormire regolarmente di notte ed avere la sensazione di non essere più tanto poveri.


Alle sere duç in te stale

D'inviar,par no brusâducj i çuncuissi lave in file la sere dopo cene.Si sielzeve la stale plui clipute il paron disponibil, che la meteve dute par fâ biele figure. Al scovave la stale cul bradàs ,al voltave cun gracie lis buiacis al cjalave lis bestiis cun braure ur faseve un biel jet di mangjadure. Tal zîr di une miez'ore si dave dongje dut il vicinât, i pas, cui lens des çoculisbatevin il pedrât in tal sito de gnot. Lis feminis portav in un zei plen di cjalçuts di comedâ, la gugje o la gurlete par filâ la lane de lôr piore. I omps cuntun balet di sarasine si metevin in vore a fâ scovets nô fruts o levin drets dentri la trombe cu la dutrine a fa finte di studiâ par podê stâ a scol tâ ducj i discors dai grancj. Prime di dut lis racomandazions: atents ai furminants, par vie dal fûc, a no piardi gusielis in tal fen e po ben ben cualchi conte di Toni Mat o di Jacum dai Zeis ma nô, o spietavin lôr lis contis dal "Orôr" Chês dai orcu i, des striis e chês dal diaul platât dentri di un cjan o di un purcit. E lis contavin che parevin veris cui nons des stradis e chei des croseris e des personis che lu vevin viodût. E i muarts? No sai cemût e tornavin puntuâi dopo vot dîs a z inglinâ i cjaldîrs a bati cui saltei simpri, si sa, trê voltis. E che man frede, e che man blancje nus corevin i sgrisui jù pe schene e no rivavin nancje a tirâ flât.Ma ecco; cualchidun s'inacuarzeve ch'o jerin inmò lì il dêt pontât e marsh ! Ducj a durmî. Jesus-Marie tal jet ce tante pôre! S'ingrumavin ognun te nestre cove sence coragjo di slungjâ jù i pîts sence pandi peraule ni pinsîrsparsore il cjâf tiravin su la plete tes orelis il ritmo de gurlete e tal linzûl l'odô r dal antiûl. E o restavin cussì fin ch'al cricave il dì il cjant dal gjâl il salustri de buinore portavin vie cun lôr la nestre pôre e jenfri i scûrs za si faseve strade une serene e limpide zornade.


Chê ch'a sofle.

..fruts cuant che la sere stavin su, li di Cie, a Torse, a jere une cjarte Vigjute ch'a contave di cuant ch'a ere frute. A diseve che in chê volte a erin a durmi in cinc sis intune cjamare, no?... e cuant ch'a erin a durmi a sintivin: “Toc!...” sul s cjalìn, no?... e alore a disevin: “Cumò a ven su di sigûr la strie!”. Difati la strie a diseve: “A soi sul prin scjalìn!...”. “Joi!..., a diseve Vigjute, a 'nd à ancjemò dodis di fâ par vignî cassù!” no?... e dopo: “Toc!...” “A soi sul secont scjalìn!... ”. A disevin ch'a sintivin il toc! e la vôs ch'a i diseve cussì!... E alore, lôr, dutis sot da li' cuiartis, plenis di pôre... e subit dopo: “Toc!...” “A soi sul tiarç scjalìn!...”. Alore jê, a un ciart pont i à dite a sô sôr: “Dii, Nôre, dissè, e s'a ve n sul dodisêsim scjalìn, da vino di scjampâ, disè, pal barcon?!” parché a ere la strie ch'a leve sù pa scjalis, no?... E alore, plenis di pôre, a ogni “toc” levin simpri pì sot da li' cuiartis! “A soi sul cuart scjalìn!...”. E vie dilunc cussì fin al dod isêsim scjalìn, no?... E lôr simpri pì sot! a vevin tante di chê pôre che sporcjavin parfin ancje tal jet! Fin che la strie a ere rivade dongje dal jet. “A soi dongje dal jet!...”. Ve ch'al ninçule il jet e ch'al fâs drin dron!... ve chi ch'a soi!... che us mangji ducju!” a diseve la strie. E chê, no si la vedeve, ma a sintivin dome ch'a soflave! No are une persone, ma e are une robe che no si le jodeve, ma ch'a bateve sui scjalìns parché la strie a veve i mulots di len tai pîts e a faseve rumôr cul vig nî sù: “Toc!... toc!”. Ben, chiste Vigjute a veve di contâ ogni sere une, e dutis di pôre. E ancje nô a vevin pôre a sintî. E cuant che jo lâvi a durmî, stant tal jet, plene di pôre a disevi: “Cui sâ s'a ven chê ch'a sofle!...”. TÒRSE <O:P> </O:P>



By Appo Tony p iva 01017370303
copyright torsa .it è un servizio di memoria storica marchi , msnoscritti .foto, possono essere registrati dai rispettivi proprietari
Torna ai contenuti